Regione Emilia Romagna: fino a 50.000€ per progetti ICT nelle PMI

Regione Emilia Romagna: fino a 50.000€ per progetti ICT nelle PMI

Regione Emilia Romagna finanzia progetti per l’introduzione dell’ICT nelle PMI. Domande fino al 31 marzo 2015.


La Regione Emilia-Romagna intende sostenere il potenziamento e la crescita delle imprese attraverso l’introduzione di Ict e di modalità e strumenti innovativi di gestione.

Chi

Piccole e medie imprese (PMI), aventi sede legale e/o operativa nel territorio della Regione Emilia-Romagna e il cui
intervento, oggetto di contributo, sia realizzato in Emilia-Romagna. Le imprese possono essere appartenenti a tutti i settori di attività economica Ateco 2007 ad eccezione delle imprese operanti nel settore della pesca e dell’acquacoltura di cui al regolamento (CE) n. 104/2000 del Consiglio; delle imprese agricole ai sensi dell’articolo 2135 del codice civile.

Quanto

  • Finanziamento fino a 45% dei costi ammissibili.
  • Investimento minimo: €20.000
  • Contributo massimo: €50.000

Cosa

Sono ammessi gli interventi realizzati sul territorio regionale che riguardano l’introduzione di strumenti informatici e telematici avanzati e la loro integrazione con l’organizzazione aziendale, finalizzati:
– all’implementazione e diffusione di metodi di acquisto e vendita on line di prodotti e servizi;
– allo sviluppo di nuove funzioni avanzate nel rapporto clienti/fornitori;
– alla condivisione di sistemi di cooperazione e collaborazione tra aziende in particolare negli ambiti della co-progettazione, dell’attività di co-markership, della razionalizzazione logistica;
– alla riorganizzazione e al miglioramento dell’efficienza dei processi produttivi all’interno della singola impresa e dei processi di innovazione di prodotto con particolare riferimento alla messa a punto ed alla sperimentazione di metodologie e applicazioni innovative nel campo della progettazione, dell’innovazione di prodotto e di processo;
– allo sviluppo di sistemi che favoriscano l’integrazione e lo sviluppo di altri processi strategici dell’azienda.

Spese rendicontabili

A. Attivazione di servizi di connettività a banda larga

B. Acquisto di dispositivi e servizi infrastrutturali (hardware networking, digitalizzazione, storage, potenze di calcolo, personal computer, ecc.), di licenze software e di servizi applicativi necessari al conseguimento degli obiettivi dell’intervento, compresi gli interventi per la sicurezza informatica.

C. Consulenze specialistiche  (max 40% A+B) correlate al progetto, finalizzate all’innovazione organizzativa e all’introduzione nell’azienda di strumenti informatici e telematici avanzati e alla loro valorizzazione produttiva, dimostrando la customizzazione delle soluzioni per l’impresa e la capacità di utilizzo delle nuove soluzioni da parte dell’impresa stessa.

Scadenza

Domande a partire dal dal 01 febbraio 2015 e fino  al 31 marzo 2015.

Procedura valutativa.