Regione Emilia Romagna, 15 milioni di euro per la ricostruzione

Regione Emilia Romagna, 15 milioni di euro per la ricostruzione

Bando della Regione Emilia Romagna per sostenere gli investimenti nelle aree colpite dal sisma.


Dal 18 febbraio le aziende colpite dal sisma possono presentare le domande di contributo alla Regione Emilia Romagna per investimenti produttivi.

Chi. Piccole e medie imprese (PMI), con sede legale e/o unità locale nei Comuni delle Province di Bologna, Modena, Ferrara, Reggio Emilia, interessati dagli eventi sismici del 20 e del 29 maggio 2012.

Cosa. Gli investimenti realizzabili ai fini della concessione del contributo possono riguardare:

  • Investimenti per ampliamenti della capacità produttiva;
  • Investimenti per nuove localizzazioni produttive;
  • Investimenti per la riqualificazione degli spazi dedicati alla produzione e/o commercializzazione;
  • Investimenti per l’innovazione e ammodernamento tecnologico dei prodotti o processi produttivi, compreso il miglioramento dell’efficienza energetica o ambientale.

Spese ammissibili.

A) Acquisto di beni strumentali per l’attività, nuovi di fabbrica, comprese le spese per la loro installazione;
B) Acquisto di beni immobili;
C) Spese per riqualificazione, ampliamento o realizzazione di nuovi stabilimenti produttivi;
D)Acquisto di hardware, software e licenze per brevetti, strettamente connessi alla realizzazione del progetto;
E) Consulenze esterne specialistiche strettamente connesse alla realizzazione del progetto e caratterizzate da un contenuto altamente specialistico;
F) Arredi, solo se funzionali all’attività d’impresa e con l’esclusione di suppellettili e complementi d’arredo.

Quanto. Contributo a fondo perduto pari al 45% dei costi ammessi, per progetti con un minimo di €30.000 di costi ammissibili e per un massimo di €200.000.

Quando. Domande on-line tra il 18 febbraio 2013 e il 17 maggio 2013. Ciascuna impresa potrà presentare domanda di contributo per un solo progetto. Gli interventi agevolati dovranno concludersi entro 15 mesi dalla data di concessione dell’incentivo.